Forum i2a

Benvenuto nella piattaforma di discussione promossa da i2a istituto internazionale di architettura in collaborazione con gli studenti della facoltà di architettura d'interni della SUPSI. L'istituto si pone l’obiettivo di promuovere il dibattito pubblico su temi di sviluppo urbano e territoriale di attualità e portare un contributo marcante alla divulgazione nell’ambito dell’architettura. Qui hai la possibilità di condividere il tuo pensiero su tutti questi temi.

Franco Mariotti, imprenditore informatico

Franco Mariotti forum i2a

Da un punto di vista architettonico e urbanistico, come descriveresti l’attuale situazione ticinese? E dello specifico caso luganese?

Il luganese è un disastro, io ormai ho 62 anni e ho vissuto un Ticino diverso. È stato fatto un vero e proprio disastro e si continua a perpetrare questo disastro, parlando del luganese.
Il Ticino ha dei differenti problemi, magari meno architettonici, o comunque indirettamente architettonici: che sono i problemi di mobilità, di insediamenti industriali sbagliati e il terreno che è stato completamente utilizzato per infrastrutture e appunto insediamenti non idonei.

Quali soluzioni si potrebbero adottare per (eventualmente) migliorare la situazione?

Io non sono un architetto ma comunque bisogna rivedere di sicuro i piani territoriali. Per il problema della viabilità bisogna fare in modo di non continuare a costruire strade ma cercare di ri-ottimizzare il sistema del traffico. Quindi le città dovranno lavorare più sugli insediamenti, sulla densificazione e cercare di fare in modo che anche le aziende concepiscano il lavoro in modo differente per cercare di renderlo più dinamico, con meno blocchi di orari, eccetera. Per quanto riguarda il resto credo che distruggere quello che si è edificato sia difficile, bisogna ripensarlo. Ci sono ancora luoghi in cui si può pensare di portare gli insediamenti abitativi, per esempio il mendrisiotto non è un posto adatto ad essere così largamente occupato da industrie, mentre magari verso il Gottardo si potrebbe ancora eventualmente farlo in quanto ci sono ancora spazi liberi. Per cui direi una ri-ottimizzazione della valorizzazione degli spazi. Nello specifico non essendo un architetto non glielo so dire, però noi come partito siamo lavorando sodo su questo (Franco Marinotti è presidente dei Verdi Liberali Ticino, ndr)

Quale contributo può dare un forum d’architettura come i2a in questo senso?

Sono stato presente in realtà a poche conferenze di i2a ma questa (Quo vadis, Italia? Tenuta presso la limonaia di Villa Saroli il 28.04.2015, ospite Pippo Ciorra, curatore sezione architettura del MAXXI di Roma in dialogo con Alberto Caruso, direttore rivista ARCHI, ndr), ad esempio, gli attribuisce un ruolo ideale perché è stato un dibattito in cui si è parlato di questioni concrete.
Io non sono dell’avviso del relatore principale, penso che abbia sprecato un’occasione, sicuramente è una persona e un architetto molto valido però è troppo egoriferito e comunque ha portato esempi decontestualizzati senza entrare nelle problematiche territoriali.
Il fatto che siano belli e brutti non vuol dire niente, possono essere bellissimi in un contesto sbagliato o bruttissimi in un contesto giusto.
Penso che questa vostra iniziativa possa prendere posizioni forti, che magari non sono posizioni politiche ma possono essere posizioni che coadiuvano la politica. Penso sia un’iniziativa pensata molto bene.

Franco Mariotti, imprenditore informatico